Questo non è un film Disney: nessuno ti salverà

Penso che siamo stati tutti ipnotizzati. Ipnotizzato da film, libri e storie che abbiamo sentito da bambini.

Tutte queste storie possono fornire una grande fonte di ispirazione , ma crescendo inizi a capire che la realtà non è necessariamente la stessa. Quando la vita non va per il verso giusto, gli obiettivi non vengono raggiunti, non puoi superare una cattiva abitudine o quando ti senti bloccato nella vita, nessun genio esce magicamente da una lampada per salvarti.

Niente nella vita cambia se non lo fai tu.

Le storie che ci sono state raccontate da bambini ci hanno ipnotizzato facendoci pensare che qualcuno o qualcosa di esterno a noi ci salverà. Salvaci dall’esperienza del dolore. Salvaci dalle nostre cattive abitudini. Salvaci dal fallimento. Proteggici dai nostri stessi errori. O salvaci dalla mancanza di motivazione.

Quando in realtà, nulla arriva finché non riconosciamo che il cambiamento deve avvenire dentro di noi se desideriamo risultati diversi nella nostra vita.

Ora, questo non significa che io sia pessimista o che le storie che ci hanno raccontato ci abbiano fatto più male che bene. In effetti, sono un ottimista e credo che ogni storia che ci è stata raccontata da bambino risieda in una notevole quantità di saggezza che può essere applicata se adeguatamente compresa.

Tuttavia, se guardi inconsciamente queste storie in modo superficiale e le confronti con la tua vita personale, hai commesso un grave errore. In questo modo, cammini inconsciamente nella vita credendo che qualcosa ti salverà dal tuo attuale stato di malcontento.

Come molti hanno detto, noi siamo le storie che ci raccontiamo. Se il copione non cambia, diventa un ciclo autoperpetuo delle stesse abitudini, emozioni e risultati, sia nella nostra vita personale che professionale.

Inoltre, uno dei miti più pervasivi che sembrano intrecciarsi in ogni storia che ci è stata raccontata da bambini è che in qualche modo abbiamo diritto a una vita fantastica. E che qualcuno o qualcosa è responsabile di riempire le nostre vite di felicità, ricchezza, relazioni appaganti e irradiare salute.

La responsabilità è necessaria per una vita migliore.

Arriva un momento nella vita di tutti in cui un atto di ragionevolezza personale al 100% deve essere accettato affinché avvenga un vero cambiamento.

Come ha detto Jim Rohn, “devi assumerti la responsabilità personale. Non puoi cambiare le circostanze, le stagioni o il vento, ma puoi cambiare te stesso”.

Ciò significa che non possiamo incolpare i nostri genitori, le circostanze, dove e come siamo cresciuti, o quel fastidioso segno zodiacale per dove siamo nelle nostre vite. Se vuoi davvero entrare in pascoli più verdi e aumentare la tua vita in tutte le aree, dobbiamo puntare il dito contro noi stessi.

Prendere il 100% della ragionevolezza personale della tua vita richiede una certa vulnerabilità, ma la vulnerabilità è il primo passo per cambiare perché quando puoi ammettere che i tuoi comportamenti attuali non sono favorevoli al tuo sé futuro, questa è un’espressione di forza psicologica.

Spesso cerchiamo di giustificare le storie delle nostre vittime, le scuse e il motivo per cui le cose non stanno funzionando, il che contribuisce ulteriormente ai terribili risultati che non vogliamo nelle nostre vite. Ci vuole qualcuno forte per illuminare se stessi e applicare un po’ di introspezione.

Porsi domande come: cosa posso cambiare? Che abitudine devo lasciare andare? Quali piccoli passi posso fare per aiutarmi a liberarmi di questa cattiva abitudine? Cosa ho detto o non ho detto? Cosa devo fare di diverso per ottenere risultati migliori? Le mie convinzioni su me stesso supportano il mio sé futuro?

“Assumere la responsabilità è un impegno a possedere la propria vita, all’auto-leadership, alla crescita e alla libertà”. -Christopher Avery

Ricordo di aver sentito questo bisogno di perseguire qualcosa di nuovo nella mia vita. Volevo avanzare ma non sapevo dove. Ho cercato di rompere le mie vecchie abitudini ma non sentivo di avere la motivazione. Volevo che qualcuno investisse nelle mie idee o affari, ma non stavo facendo il lavoro necessario per motivare una tale richiesta.

Fu solo dopo alcune settimane di introspezione dentro di me che mi resi conto che nessuno sarebbe venuto a salvarmi e stendere il tappeto rosso per la vita migliore che desideravo disperatamente. Ho dovuto cambiare il copione che mi stavo dicendo e assumermi la responsabilità al 100%.

Mi sono reso conto che se volevo cambiare, dovevo abbandonare vecchie abitudini e scuse e migliorare dell’1% ogni giorno. All’inizio non è stato facile, ma nel tempo è sembrato che lo slancio avesse cominciato a cadere dalla mia parte. Quando ho iniziato a prendere la ragionevolezza personale per le decisioni della mia vita, è stato allora che la vita ha iniziato a fare clic e ho sentito che la vita stava lavorando per me piuttosto che contro di me.

Come si suol dire, “se continui a fare ciò che hai sempre fatto, continuerai a ottenere ciò che hai sempre ottenuto”.

Nulla cambia a meno che tu non lo faccia prima. Devi prendere la piena ragionevolezza, allora è allora che la vita inizia a lavorare per te.

Commenta questo articolo